Mini Pastiera napoletana più leggera e veloce

Mini pastiera napoletana per la Vigilia di Natale con meno uova 

 
Alla maggior parte dei lettori, sicuramente suonerà strana l'intestazione. 
 
Magari perché si associa la Pastiera napoletana alla Pasqua, ma vi assicuro che ci sono molte famiglie che la consumano anche la sera del 24 dicembre e durante le festività natalizie.

Ricetta per mini pastiera napoletana

Fare la Pastiera durante la Vigilia potrebbe essere leggermente laborioso, e toglierebbe tempo alle altre preparazioni, quindi vi vengo in aiuto con una ricetta molto più pratica, meno pesante ed elaborata, e con le dosi riuscirete a fare 2 Pastiere da 24 centimetri di diametro, molto belle da portare in tavola alla Vigilia, dalle quali taglierete delle fette non troppo grandi.
 
In questa ricetta sto escludendo bucce di agrumi e canditi nella crema, che non dovrebbero mancare nella versione tradizionale pasquale.
 
Un consiglio che vi posso dare è quello di mettervi al lavoro magari il 21 dicembre così per la Vigilia sarà tutto pronto.

Ingredienti


Per 2 Pastiere napoletane da 24 cm
 
Pasta frolla
500 g di farina 
200 g di zucchero
200 g di burro
3 uova 
1 pizzico di sale
estratto di vaniglia q.b.

Ripieno per la Pastiera napoletana
580 g di grano cotto 
300 g di latte  
1 noce di burro
2 ricotte fresche (nel mio caso 440 g in totale)
220 g di zucchero
6 uova
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 o 2 fialette aroma fior d'arancio

Preparazione del ripieno della Pastiera napoletana 



Per prima cosa assicuratevi che la ricotta sia fresca, ma priva di siero. Eventualmente potete lasciarla sopra un colino così perderà i liquidi eventuali per alcune ore. 
 
Ad esempio, se la comprate il 21 fatela asciugare tutta la notte in frigo e lavoratela il 22 dicembre mattina.

Potete usare ricotta di pecora, bufala o vaccina, l'importante è che sia un prodotto fresco da caseificio. No ricotte industriali per favore!
 
Io ne ho prese 2 ed in totale pesavano 440 g quindi ho usato la metà dello zucchero. 
 
Molti utilizzano lo stesso peso di zucchero e ricotta, ma a mio avviso in questa versione ho preferito mantenermi più leggero.

Se però desiderate più dolcezza usate il rapporto 1 : 1.

La mattina del 22 per prima cosa cuocete in una casseruola il grano cotto insieme al latte ed una noce di burro fino a formare una crema asciutta, che andrà fatte raffreddare.
 
A parte mescolate zucchero e ricotta, fino a formare una crema omogenea. Unite così 6 uova intere ed 1 cucchiaino di estratto di vaniglia, che batterete nella ciotola insieme alla ricotta.

Io faccio tutto in un unico recipiente.

Appena il grano sarà freddo o a temperatura ambiente allora unitelo alla ricotta battuta con le uova ed amalgamate.

Io faccio tutto solo con una frusta in acciaio inox.

Non resta che versare le fialette di aroma fior di arancio. Io ne metto 2, ed il sapore è intensissimo, ma a ma piace così. Volendo un aroma più tenue allora usate solo 1 fiala.

Senza questo aroma la Pastiera napoletana non acquisterà quel sapore caratteristico. 

Tutta questa crema lasciatela riposare in frigorifero fino al giorno successivo, chiudendo con una pellicola alimentare la ciotola.

Preparazione della Pasta frolla per Pastiera napoletana 


Il 23 mattina allora potete fare la pasta frolla.

Versate la farina in una ciotola inserite al centro il burro con lo zucchero che andrà lavorato fino a formare una pasta. Unite le uova al centro, il pizzico di sale e la vaniglia a piacere. Amalgamare sempre restando nel centro.

Man mano che impastate prendete la farina dai lati fino a farla assorbire tutta.

Formate così un panetto bello sodo e compatto. 

Fatelo riposare fino a 30 minuti a temperatura ambiente se non fa caldo, altrimenti in frigo.

Nel frattempo imburrate 2 teglie tonde per pastiera da 24 cm di diametro ed infarinatele uniformemente, eliminando lo spolvero in eccesso.

Su di un ripiano dividete l'impasto in 2 panetti che stenderete con un mattarello. 

Foderate le teglie con la frolla ed eliminate l'eccesso di pasta. Infine bucherellate con una forchetta tutta la superficie.

Versate la crema con un mestolo all'interno degli stampi ed uniformatela come potete. 

A parte create le losanghe con il matterello ed un taglia pasta. Con queste dosi vi avanzerà pochissima frolla. 

Cottura della Pastiera napoletana 


Attaccate le losanghe sigillatele al meglio tra di loro pressandole con le dita ed infornate le pastiere, per 50 minuti a 180° / 200° forno statico, oppure fino a doratura della superficie. 

Io lascio raffreddare nel forno con sportello aperto. 

Pastiera napoletana

Fate rassodare ed assestare le pastiere che potranno essere servite il giorno dopo, ossia il 24 dicembre.  Possono essere conservate anche per alcuni giorni a temperatura ambiente.

CONVERSATION

0 commenti:

Posta un commento

Back
to top