Calamari ripieni al forno e purea di patate

Calamari ripieni al forno e purea di patate

Calamari con purea di patate
 
A me i calamari piacciono moltissimo e cerco sempre di escogitare nuove ricette, soprattutto nuove tecniche di cottura visto che questo mollusco richiede molta attenzione durante questa fase, per via della sua consistenza.

Già ho pubblicato alcune ricette con i calamari, e se volete dare un'occhiata, fate pure con comodo:




Questa è la quarta ricetta dedicata a questo mollusco, ed adotterò ancora la cottura al forno, ma il piatto consiglio di servirlo a temperatura ambiente.

Ingredienti


5 calamari di grossa taglia

Per il ripieno
5 cucchiai di purea di patate 
tentacoli dei calamari
50 pinoli
10 chicchi di uvetta passa sultanina
1 fetta di pane raffermo 
champagne di fiori di sambuco, o vino bianco secco
pepe, sale q.b.

Per prima cosa metto a riposare in un contenitore i calamari perfettamente puliti e lavati insieme ai tentacoli insieme a del prezzemolo finemente tritato.

Nel frattempo preparo il ripieno composto dai tentacoli e dal purea di patate.


Per il purea seguo questa ricetta, per i tentacoli li sminuzzo in tanti pezzettini e li metto ad insaporire con un cucchiaio di champagne di fiori di sambuco, oppure usate tranquillamente vino bianco secco, pane raffermo ammollato in acqua, un po di pepe in polvere e prezzemolo.
Se volete sperimentare lo champagne di fiori di sambuco nel periodo primaverile seguite questa ricetta: Champagne di fiori di sambuco a lunga conservazione

Tentacoli sminuzzati, prezzemolo, pinoli, uvetta, sambuco

Per il ripieno di ogni singolo calamaro ho calcolato esattamente un cucchiaio di purea di patate, un cucchiaio di tentacoli, 10 pinoli interi e 2 chicchi di uvetta tritati. Una volta amalgamato il ripieno, farcisco fino ai 3/4 del calamaro e chiudo l'estremità con uno stuzzicadenti.

Calamari in teglia di acciaio inox in forno

Fatto questo ungo una teglia di acciaio inox con un po di olio d'oliva e ci passo i calamari dentro facendoli ungere da tutti i lati, ed inforno a 200° per 20 minuti, girandoli a metà cottura. Una volta usciti dal forno, copro la teglia con carta di alluminio per mantenere l'umidità all'interno.

Un consiglio che voglio darvi, se volete servirli tagliati, magari accompagnati dal purea, fondi acidi, vellutate o salse, e quello di aspettare il raffreddamento, così da farli compattare e rendere l'operazione del taglio più agevole, e mantenere il ripieno più uniforme. 

Per la cottura, ogni forno avrà a sua potenza, e il suo modo di cuocere, quindi non mi sento di dire, che i miei 20 minuti sono la regola, anzi, alcune persone vogliono il calamaro anche più cotto, indipendentemente da tutto.

Impiattamento calamari al forno

Per fare un po di scena ho usato un fondo di semplice glassa gastronomica all'aceto balsamico di Modena IGP, ma potete sbizzarrirvi anche con qualche vellutata di verdure.

CONVERSATION

8 commenti:

  1. Mi piacciono molto i calamari... E questa tua ricetta è deliziosa! Voglio provarla al piu presto! Buona giornata, Annalisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annalisa, sono contento che la ricetta ti sia piaciuta ed abbia suscitato interesse. A presto e grazie

      Elimina
  2. Anche a me i calamari piacciono tanto, ma alla fine li preparo sempre allo stesso modo. Grazie delle nuove idee. Questo ripieno con le patate mi ispira un sacco. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io per un periodo li facevo sempre al sugo cotti a lungo oppure fritti. Grazie a te per il commento e buona giornata a te

      Elimina
  3. non ho mai provato i calamari ripieni, questi mi intrigano molto 😍😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provali pure, sono buonissimi, anche se si deve stare attenti alla cottura, che per questo mollusco è la cosa principale.

      Elimina
  4. Un modo diverso e ricercato di assaporare i calamari :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ammetto che ci vuole un po di pazienza e tanti flop prima di fare qualcosa di commestibile

      Elimina

Back
to top